Chiamaci
+39 331 734 59 20

Scrivici
info@aperitivonapoli.it

PREVENTIVO

17 Nov · Mutart · No Comments

Galateo del Matrimonio: cosa fare o non fare?

Per organizzare un bel matrimonio ed evitare eccessi che possano risultare di cattivo gusto, bisogna seguire alcune semplici, ma importante regole.

Esiste infatti un preciso galateo del matrimonio che andrebbe seguito alla lettera per evitare spiacevoli inconvenienti  o addirittura grandi disastri!

Dovete tenere a mente queste 3 parole magiche: moderazione, misura e sprezzatura. Bisogna seguire il buon senso, ma non escludere un po’ di brio per organizzare un matrimonio sobrio, ma non noioso. Quali sono i punti da tenere in considerazione?

Alcune regole di galateo da seguire

La prima cosa a cui pensare sono le partecipazioni di nozze. Se si decide di seguire le tradizioni si opterà per un delicato cartoncino raffinato ed elegante. L’etichetta vuole che gli inviti siano scritti a mano con inchiostro color grigio o seppia. Per quanto riguarda la data, la tradizione vuole che si scriva prima il giorno della settimana, poi il numero, il mese e l’anno.

È possibile anche scegliere partecipazioni particolari, diverse dalle classiche create con carta riciclata colorata a forma di cuore o decorata con fiori essiccati e con scritte romantiche.
Si potrà anche dare la possibilità agli invitati di confermare o meno la propria presenza via email, così come anche la lista di nozze, per agevolare chi si trova lontano dal luogo dove verranno celebrate le nozze, verrà pubblicata via web. Naturalmente le partecipazioni verranno consegnate tre o quattro mesi prima per dare il tempo agli ospiti di organizzarsi.

Si, è vero, siamo nell’era dei social, ma è decisamente inopportuno pubblicare su Facebook o Twitter le partecipazioni: rendere tutto così plateale è considerato volgare e inappropriato!

 

Pianifica il tuo evento

Successivamente per l’organizzazione del matrimonio bisognerà valutare se richiedere o meno l’aiuto di un wedding planner che possa occuparsi dell’allestimento della location. L’importante è che la scelta ricada su un luogo sobrio, come una sala o una villa e che gli addobbi floreali siano chiari e quanto più delicati possibile, per non creare una sovrabbondanza che faccia l’effetto di una sagra paesana.

Anche la musica deve essere di sottofondo e i musicisti devono suonare solo dopo che gli ospiti abbiano terminato di mangiare.

Il pranzo è preferibile sia a buffet  e che preveda pochi piatti classici e una torta nuziale multipiano alla fine. La cerimonia non deve durare molto perché non è piacevole per gli invitati restare molte ore a tavola.

Particolare attenzione va’ data agli abiti degli sposi e dei parenti. La sposa non deve essere scollata, né scosciata. Sobria, con spalle coperte, scarpe chiuse. I capelli devono essere raccolti e coperti dal velo. Non deve sembrare una bambola di porcellana. Lo sposo deve indossare un abito scuro con camicia e cravatta. Unico gioiello permesso è un orologio di pelle nera. Niente abiti luccicanti né troppo vistosi.

I partenti, gli amici e gli invitati non devono indossare abiti appariscenti che offuschino gli sposi, non devono vestirsi di bianco e il nero è permesso solo in caso di cerimonie serali particolarmente eleganti e formali. Niente stole per le donne e per gli uomini abito scuro e senza cappello.

In ultimo dovremo occuparci delle bomboniere (noi qualche idea ve l’abbiamo data qui!) scegliendo un oggetto piccolo e discreto che diventi un ricordo della giornata e che sia apprezzato dagli ospiti e non criticato.

Grazie a queste piccole regole di galateo, potremo esser certi di organizzare una cerimonia piacevole ed indimenticabile, senza rischiare diventi troppo esuberante, ma nemmeno troppo noiosa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *